Passa ai contenuti principali

IL NERO

Il colore pennella un quadro d’estetica quasi perfetta.
Il rosso delinea labbra carnose.
Il rosa affresca guance di gentil viso.
L’azzurro d’occhi imprime ingenuità.
Un ovale dal sorriso…Spento!
Il nero domina lo sfondo incappucciando
chi  scavato dal dolore ha perso
ogni colore.
Abissi insondabili chiusi alla luce,
affogati nell’azzurro di quel cielo,
diafana pelle prosciugata da linfa
che non irrora.
Labbra esangui martoriate da morsi,
tacciono alla vergogna dell’onta subita.

Rita Vieni

Il dolore  ha nero colore, ha artigli che stringono, soffocano la dignità in nome della violenza!

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.







Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni