Passa ai contenuti principali

LU ME PAISI


Mirtu lu me paisi, casuzzi ‘nta
‘na cullina pusati, chi ‘spettunu
i vasati di lu suli di la matina. 
Tutti ‘i biddizzi teni, ‘nto ‘nvernu
macchi di culuri di ‘nu virdi sgargianti,
‘nta stati lu suli ‘mpiccicatu
‘nte mura passiati di li zalacrini.
Usanzi, maestranzi e arti ni teni
‘na bona parti.
Mi visti nasciri, caminari,
chistu è ‘mpurtanti.
Lu me paisi terra ginirusa è!
Iò ‘n menzu a la me genti,
staiu cuntenti.

Rita Vieni
 — presso Presso Museo del Costume e della Moda Siciliana. Situato nel palazzo Cupane, nell’omonima via, il museo conserva abiti storici della tradizione siciliana.


Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni