Passa ai contenuti principali

'STU SILENZIU VOLA

Quantu silenziu ‘ntornu a me.
Sula, ‘n cumpagnia di li tanti pinzeri
 chi nun mi lassunu, tornu  arreri
cu la menti e mi rennu cuntu
di ‘na vita china di rigali.
Tra lu curriri pi lu mari, ‘n menzu
a la sorti e la cutra,tiravi dritta.
‘Nta  ‘stu mumentu di apparenti  
calma godu  cu tuttu lu cori.
Caminu cumpartecipi o' so rispiru,
 ma ‘ntantu, ‘nta  ‘stu silenziu
 amicu, mi godu ‘stu Gloria Patri,
prima chi si ni fuji.
'Stu silenziu vola senza dumannari,
ascuta e jietta vuci comu l'ali niuri
di 'na libirtà senza prezzu!


Rita Vieni


Ascolto la voce del silenzio, odo il suo palpito. Guardo indietro nel tempo, tanti i doni. Tutto scorre 
ineluttabile.
Protagonista, tra vittorie e sconfitte, vivo. Adesso dopo lungo cammino voglio godermi l’istante che
dimora nel silenzio degli attimi nel volo accomunato di un uccello nel suo cielo.

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.








Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni