Passa ai contenuti principali

SILENZIU

Quantu silenziu ‘ntornu a me.
Cca, chi tanti pinzeri pi cumpagnia
tornu arreri pi la via, ‘ssittata 'nta
‘sti scaluna chi mi ricordunu li
tanti storii di lu me passatu.
Tra tempu vinciutu e pirdutu,arrivai
'ddritta, senza curriri.
‘Nta ‘stu mumentu di paci apparenti
mi 'ssettu filici, apru 'stu cori gratu
o' suli chi mi tocca, o’ ciauru di
l’ erba, a la carizza di la vita.
‘Nsiddata cu li ricordi ‘ntantu 'nta
‘sta muta aria, chi beni mi voli, taliu
'nta facci li mimorii e mi strinciu cu
lu tempu di oji.

Rita Vieni

Ascolto la voce del silenzio in un luogo di giochi di fanciulla e in sua compagnia, guardo indietro nel tempo, tutto scorre ineluttabile mentre respiro con la vita.
Mi pongo come spettatrice tra le vittorie e sconfitte, sempre grata .
Ma adesso in questo momento voglio godermi l’istante.

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.
 — presso Mirto portale secondario della Chiesa dei Martiri, i Tre Santi Alfio,Cirino e Filadelfio, venerati il 10 di maggio.

Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni