Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2014

ARMONIE

Ascolto in sensi la natura, dell’incanto respiro, respiro suoni, come ombra silenziosa avanzo e miro. Oh doni preziosi, lascio al cuore l’amore d’istanti! Qui, nell’adesso senza tempo, accumulazione, alito, visione, tatto, comunione, sublimano in fusione nel mio esser mortale. Non v’è muta pace se non v’è sinestesi tra armonia e anima, tramonti e aurore specchiati, in condomini alternati. Nel silenzio bisticciano le parole, l’astio in quarantena, si nutrono e d’amore rilasciano l’essenza in armonie di note.
Rita vieni Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



ORA CHE TACE IL GIORNO

Ora che tace il giorno la quiete
s’impossessa della ragione,
si addormentano i suoni.
Nella dimora dell’incoscienza
la mia voce diviene canto,
copre le cacofonie, il chiasmo
in armonia accentua il sé:
il nero scolora, il blu sboccia,
il bianco con le scarpe senza orme
balla.
Il respiro cessa il rauco gorgheggio
e lento e lento e lento s’accompagna
al dolce oblio.
Il rotondo viso pieno, scende,
incontra l’aurora nel saluto di pace,
il sole si leva ed è di nuovo giorno.
Ora che tace la sera la quiete
non dimora e il suono si desta.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni




PACI

Mi ‘rruspigghiavi tutta  trimanti e mi cunfidai  ‘nta l’ istanti. Intisi  rumura chi mi ficiru tramazzari e ‘nta ‘stu lettu vigghiari. Sintivi li vuci, lamenti, animi di omini senza sacramenti, sintivi l’ummira cianciri ‘nta lu ventu dispiratu, sintivi bummi, trona e sangu sciamminatu. Sintivi ‘u celu di russu tinciutu! Si putissi, cancillassi li anni di dulura e mali, bruciassi cu focu i vai  e la bannera di la paci armassi pi tutti li genti in bona vuluntà. Ogni aziuni viulenta e china di russuri, tagghia lu custatu e inchi dda vesti bianca chi si tinciu d’ ‘u sangu ‘nnucenti! Si putissi, paci e amuri purtassi p’ ‘u munnu!
Rita Vieni
PACE
Mi risvegliai paurosa e timorosa, nell’istante riflesso, riflettei me stessa, in veglia sospirai nel letto. Sentii lamenti, turbamenti, voci di uomini senza comandamenti, sentii il dolore piangere nel vento, sentii bombe, boati e sangue rappreso. Sentii il cielo infuocarsi al giorno! Se potessi cancellerei il dolore, dispute e rancori…

ADDUMMISCITI

Addummisciti supra ‘stu cori chi
batti e canta ‘na canzuni d’amuri.
Addummisciti ‘nte brazza chi stritti
ti portunu ‘nte sogni d’amuri.
Talia ‘nta li negghi di li ricordi,
facci vasati di lieti risati.
Quannu la notti lassatu lu scuru
e lu celu di spiranza tinciutu, lu
lustru si trova cu du’ innamurati
chi ‘nto sonnu si tenunu p’ ‘a manu
biati!

Rita Vieni

DORMI

Dormi, riposa sul cuore, ritmi ti
cullino in nenie, in buio tra ombre e silenzi,
di effluvi trasparenti sembianze.
Dormi, in tepore del sogno, vagita
nel roseo inconscio di nenia, eco caro
bramato.
In arco di tinto vestito d’aurora
di timide voci alba sorprenderà,
due amanti in sogno che planano
tenendosi per mano!

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.