Passa ai contenuti principali

AMURI (AMARTI)



Oji cca cu la luci chi mi scinni ‘nta
‘stu corpu, penzu a tia e a mia.
Animi cu lu stissu ciatu, cori 
chi ni batti forti, cu lu sangu chi
scurri comu focu ‘nte nostri vini.
Focu e sangu d’amuri!
Ma iò tremu ricugghiuta ‘nto parmu!
Lu celu è sirinu, lu suli manna
raggi ‘nfucati, lu caudu ni vasa.
Ma iò tremu ricugghiuta ‘nto parmu!
Penzu e ripenzu, risettu nun àiu, taliu
lu tempu chi si perdi ‘nto so tempu.
‘Ntantu chi ‘nvecchiu, iò ti ‘ccarizzu, ti
toccu e bramu.

Rita Vieni

AMARTI
Il timore s’affaccia in reconditi
sentieri d’anima, l’alba di luce
ne svela i segreti.
Ho te nei pensieri che s’abbronzano
al sole steso nel cielo.
Caldi raggi carezzano, baciano.
Ricomincia l’ansia, l’inquietudine
che m’avvolge al troppo amarti.
Il dopo è l’incognita che duole.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni



Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni