Passa ai contenuti principali

NOTTI NIURA

Notti niura comu catrami,
nuddu chi varda ‘stu celu
senza disidirari.
Oh luna, di bedda rutunnula
facci, jetta ‘na scalitta pi la
'cchianata pi cu’ sapi amari.
Cca tanti disideri e pinzeri
chi la notti ‘mmuccia pi l’affidari
a ‘na stidda chi cadennu scinni
a ‘ncuntrari lu solu di lacrimi
e dulura.
Notti di vogghi e cunfortu ,notti,
unni l’ ummiri pigghiunu formi,
“Chi teni ‘nto mantu stiddatu”?
“L’amuri chi furria ‘n cerca di
‘nnamurati, pi s’ affidari a li
spiranzi di cori furtunati”?
“Lu riposu pi li fatichi di
campari ‘nto munnu di vai e vucchi
di sfamari”?
Prestu rispunnimi, prima di la luci
di lu jornu!
Ti 'spettu stasira e tuttu 'ccumincia
'n' autra vota.

Rita Vieni

LE NOTTI

Nelle tante notti di buio totale,nelle tante notti di un quotidiano vissuto tra molti dubbi e interrogativi, si affidano i desideri, tramite stelle cadenti, su un suolo calpestato che raccoglie gioie e affanni, nella speranza di riscontri.
Dopo la notte, la luce del giorno, per poi ripresentarsi puntuale al far della sera, in un eterno ciclo vitale.

Rita Vieni

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.



Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni