Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2015

AMORE

Cerco nell’azzurro tra cirri: rossi rispondono al richiamo! Ti guardo, ascolto un cuore ebbro, ti guardo vedo note danzare nell’armonia ad una porta che porta malinconia. La mia metà, l’altro specchio mai infranto dalle mani appassionate, stringono nel tepore colorato stellato che conduce al cielo azzurro tra cirri e sole.
Rita Vieni




LU ME SILENZIU

‘Nta ‘stu silenziu scausu,vogghiu diri  paroli ‘mpurtanti, ma pisunu e si libiri, scavunu ‘nu bucu funnu. Oh silenziu, tuttu t’ affidu, puru ogni  suspiru! Parla pi me, tu chi si’ comu ventu liggeru, comu vuci d''i cuscenza, comu 'lluminazioni 'ntenza. Parla pi me, silenziu!
Rita Vieni
Al silenzio affido ogni parola taciuta, ogni dolore e desiderio, ogni carezza non ricevuta. Lascio lui parlare, silenzioso, scalzo, ingenuo.

Rita Vieni






TI VULISSI SCRIVIRI

Ora cca, tinciuta di ‘sti pinzeri d’ amuri, ti vulissi scriviri ‘na littira duci e fina, ‘na littira cantirina. A te, vita mia, a te, gioia d’ ‘u me cori, ti vulissi cuntari tanti belli cosi, ricurdarti di lu passatu, di li tanti disideri, ora sogni culurati, di li tanti vardati o’ nostru celu vistutu di gemmi: lucitti chi vardunu i tanti pinzeri e paroli abbuttunati! Oh miu tisoru, ‘nta ‘st’ ura di sira, c’ ‘u cori ‘n china, comi ciumi chi va versu ‘u so mari chi ‘u ‘spetta bramusu, iò ti penzu e cu la menti ti tegnu strittu a mia,  sentu li to’ carizzi, sentu li paroli, ali d’ usignolu ‘nta niautri, sentu la to vuci chi sempri canta lu nomi miu.
Scriverti vorrei, di me raccontarti e di te, dei  nostri dolci sogni che su un mare di luccicanti diamanti, sotto un cielo di brillanti stelle, ora navigano, trasportati, non in balia dell’ignoto, ma cullate dai sogni, alitati d’angeli in melodia di celesti inni d’amore. Mio amato bene, scriverti m’è dolce, ma ancor di più as…

SOSPIRO DIURNO

Riflesso infrange, scopre del sospiro diurno azzurro odore. L’orma traballa nei tacchi consunti: cedono nel tempo lento alla corsa nell’arsura d’afa. E pure ritraggo in me l’autoscatto d’idea tra modo e ora. Fuori da me vedo  l’aquila in volo, con in bocca la serpe che nutre sé, nel veleno verde. Fuori d’ogni, cielo sereno, sole risplende, la vita riprende la via, l’attraversa con la mano protesa nell’invisibile potere che a me lega. E m’abbandono tra le parole amare.

Rita Vieni





NELLA PIOGGIA

Pioggia scroscia, intervalli sonnolenti di sole e luce, chiama necessità schiava del nero mantello. Punti colorati, scintillanti dai desideri, scendono senza riso. La pioggia scroscia senza intervallo, il rumore mi induce al sonno, fame siede al tavolo spoglio. Mi nutrirò del vento, come erba secca che chiede senza sconti. Intanto l’aria in effluvi di gerani e ortensie si asciuga. Fronde bagnate del pesco piegano al peso. Mi nutrirà domani mentre volge il giorno seduta a contemplare il mio mondo.

Rita Vieni

MARE

Nel quieto salmastro, odo ira d’onde! Questo azzurro di bianche ali si veste, fluttua  voce nel richiamo del mare. Nel quieto salmastro, odo ira d’onde! Tace, muto il tempo, un breve attimo e cessa il tumulto, cessa il battito, solo l’eterno movimento: in ascolto! La marea guarda la luna ed io qui nel quieto salmastro, odo ira d’onde!
Rita Vieni
La natura parla e chiama, invita alla riflessione. Fermarsi in ascolto del richiamo del mare: le onde s’alzano ed è l’imperioso comando. S’infrangono sugli scogli con l’esplosione della schiuma: le conseguenze nefaste. Si placano e coprono con carezze rilassanti la spiaggia: eccole  stanche senza voce negli inutili accenni. Nel moto delle maree, il mare avanza e si ritira, bagna e copre, si stanca e ritira. La sua voce, ira sopita, celata sotto spoglie di lupo!

Rita Vieni