Passa ai contenuti principali

MARE

Nel quieto salmastro, odo ira d’onde!
Questo azzurro di bianche ali si veste,
fluttua  voce nel richiamo del mare.
Nel quieto salmastro, odo ira d’onde!
Tace, muto il tempo, un breve attimo e
cessa il tumulto, cessa il battito,
solo l’eterno movimento: in ascolto!
La marea guarda la luna ed io qui
nel quieto salmastro, odo ira d’onde!

Rita Vieni

La natura parla e chiama, invita alla riflessione.
Fermarsi in ascolto del richiamo del mare: le onde s’alzano ed è l’imperioso comando.
S’infrangono sugli scogli con l’esplosione della schiuma: le conseguenze nefaste.
Si placano e coprono con carezze rilassanti la spiaggia: eccole  stanche senza voce negli inutili accenni.
Nel moto delle maree, il mare avanza e si ritira, bagna e copre, si stanca e ritira.
La sua voce, ira sopita, celata sotto spoglie di lupo!


Rita Vieni


Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni