Passa ai contenuti principali

TI VULISSI SCRIVIRI


Ora cca, tinciuta di ‘sti pinzeri
d’ amuri, ti vulissi scriviri ‘na
littira duci e fina, ‘na littira
cantirina.
A te, vita mia, a te, gioia d’ ‘u me cori,
ti vulissi cuntari tanti belli
cosi, ricurdarti di lu passatu,
di li tanti disideri, ora sogni
culurati, di li tanti vardati
o’ nostru celu vistutu di gemmi:
lucitti chi vardunu i tanti pinzeri
e paroli abbuttunati!
Oh miu tisoru, ‘nta ‘st’ ura di sira,
c’ ‘u cori ‘n china, comi ciumi chi va
versu ‘u so mari chi ‘u ‘spetta bramusu,
iò ti penzu e cu la menti ti tegnu
strittu a mia,  sentu li to’ carizzi,
sentu li paroli, ali d’ usignolu
‘nta niautri, sentu la to vuci chi
sempri canta lu nomi miu.

Scriverti vorrei, di me raccontarti e di te, dei  nostri dolci sogni che su un mare di luccicanti diamanti,
sotto un cielo di brillanti stelle, ora navigano, trasportati, non in balia dell’ignoto, ma cullate dai sogni, alitati d’angeli in melodia di celesti inni d’amore.
Mio amato bene, scriverti m’è dolce, ma ancor di più assaporo il viverti e l’amarti, in dì infiniti pregni del nostro grande amore.


Rita Vieni





Post popolari in questo blog

A mia figlia

Eppur ricordo, nel tempo infinito, il non stinto sorriso. Bimba assai dolce dalla bionda chioma, azzurri e profondi occhi tuoi di luce. Eppur ricordo, oggi come ieri, la soavità del tono, la bianca pelle, i sorrisi imperfetti e i passi incerti. Simile a me stessa, tu ancora adesso, sei gioia nel riflesso. Cara al mio cuore, luce degli occhi, nei miei giorni, stella. Cammini al mio fianco e sorrido, nei tuoi successi mi crogiolo senza eccessi. E quando ormai avanti negli anni cadrò, tu mi alzerai. Le nostre mani allora osserverò, tu madre e io figlia!


Rita Vieni

In fuga

Questo non silenzio inquieta l’udito! Spio i rumori striscianti lungo  mai  calmo sentire. Quietati occhio, placa l’arsura di luce, annaspa tra i potenti ruggiti di un animo in fuga!

Rita Vieni