Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

E' SERA

ARMONIE

'A vicchiaia

Tuttu ‘nta ‘na vota mi rennu cuntu chi mi vidu vecchiu ‘nta lu specchiu. Finu aieri  prugetti, ora mi ‘ccorgiu chi nun servunu a nenti. Passarunu l’anni, a catina,supra a l’ossa li cuntavi. Penzu chi vogghiu tempu pi vidiri e godiri di la vita, di li me gioi, di fari ancora i me prugetti. Chi  bruttu statu la vicchiaia, ‘na menti giuvini, ‘mprigiunata  ‘nto ‘nu corpu stancu, chi chinu d’ ‘i tanti dulura purtati ‘ncoddu, s’arrenni . Si nasci,  crisci , si godi e patisci, e ‘nfini  vecchi si finisci.
Rita Vieni
Dopo una vita di lavoro e sacrifici giunge la vecchiaia, uno stato poco benevolo a volte. Le fatiche e gli avvenimenti rendono il corpo teso nell’immobilità della condizione, fisica o mentale, una mente giovane imprigionata in un corpo stanco o l’assenza dei pensieri. Condizione inevitabile che segue il corso vitale!

Rita Vieni
foto web